STATUTO CARD FVG

 

Art. 1

La CARD FVG è una libera associazione senza fini di lucro e senza finalità sindacali, che non esercita né partecipa ad attività imprenditoriali, salvo quelle necessarie per le attività di formazione continua.

La sede legale è presso in B.go Aquileia n. 2 a Palmanova.

L’A. rientra a far parte della Confederazione Nazionale delle Associazioni CARD Regionali e che ne condivide la missione e gli obiettivi, pur mantenendo autonomia organizzativa.

 

Art. 2

Missione.

L’A. condivide e fa propria la missione della Confederazione Nazionale (CARD) di promuovere, sostenere ed implementare la cultura del cambiamento in sanità tendente all’umanizzazione dei servizi offerti alla persona, al miglioramento dello stato di salute della popolazione e all’applicazione di modelli gestionali capaci di realizzare l’integrazione, il governo della domanda e accentuare la tutela dei soggetti deboli. L’A. promuove eventi formativi ed è garante non solo della solidità delle basi scientifiche degli eventi stessi, ma anche della qualità pedagogica e della loro efficacia, attraverso attività di aggiornamento professionale e di formazione permanente con programmi annuali di iniziative in ambito nazionale e regionale.

 

Art. 3

Obiettivi.

L’A. persegue i seguenti obiettivi:

  • Diventare strumento di incontro ed analisi, per allargare ad un numero sempre più ampio di operatori le conoscenze relative alle buone pratiche da adottare nel territorio, per superare una visione monosettoriale della salute, per promuovere concretamente l’integrazione tra culture e pratiche diverse

  • Promuovere il progresso scientifico e culturale nell’attività sanitaria e sociosanitaria di territorio, realizzando eventi di formazione e di aggiornamento in cui siano presentate dagli stessi operatori,

  • Favorire e sostenere iniziative di ricerca applicata ai servizi del territorio nella prospettiva di individuare processi e modelli innovativi, fondati sull’utilizzo di strumenti di E.B.M.

  • promuovere il costante aggiornamento degli associati e svolgere attività finalizzate ad adeguare le conoscenze professionali e a migliorare le competenze e le abilità cliniche, tecniche e manageriali-gestionali e i comportamenti degli associati stessi al progresso scientifico e tecnologico, con l’obiettivo di garantire efficacia, appropriatezza, sicurezza ed efficienza alle prestazioni sanitarie erogate e di favorire il governo delle attività sanitarie e il sistematico controllo dei risultati;  

  • Monitorare il grado di realizzazione dei distretti e dei servizi territoriali in FVG, confrontando la loro concreta possibilità di operare, anche in relazione a particolari bisogni ed a determinate fasce di popolazione

  • Agire come organismo rappresentativo della realtà degli operatori territoriali disponibile a fornire il proprio apporto sulle questioni inerenti le tematiche tecniche culturali ed organizzative

  • Rafforzare il rapporto e la comunicazione sociale con i cittadini sui temi della salute

 

Art.4

L’A. è composta da:
1. Soci Fondatori: sono i presenti all’Assemblea costituiva elencati nell’allegato che hanno partecipato alla fase costitutiva dell’Associazione.

2. Soci Ordinari: sono tutti gli Operatori dei Distretti e dei Servizi Territoriali delle A.A.S. della Regione FVG ed ogni altro professionista o cittadino che condivida gli scopi e le finalità dell’A. e che vengono ammessi dal Consiglio Direttivo, su richiesta degli interessati.                                                              

3. Soci Onorari: sono persone, nominate dall’Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo, che si siano particolarmente distinte con studi, ricerca, ed iniziative organizzative nei vari campi di cui al precedente articolo uno. 

4.  Soci Istituzionali e/o Sostenitori: sono persone o Enti Pubblici o Privati, Associazioni od altre istituzioni con o senza personalità giuridica. Vengono accettati dal Consiglio Direttivo, su richiesta del legale rappresentante;

5. soci sostenitori: persone o Enti, Pubblici o Privati, che con particolari elargizioni o donazioni contribuiscano al buon funzionamento dell’A..    

I soci fondatori e ordinari sono tenuti al pagamento di una quota associativa annua nella misura stabilita dal Consiglio Direttivo ai sensi del successivo art.9. Tutti i soci hanno diritto di voto. Possono essere eletti negli organi societari i soci fondatori, gli ordinari e gli onorari; i soci Istituzionali e Sostenitori hanno diritto al solo elettorato attivo per il solo tramite del legale rappresentante. La qualifica di socio si perde: Per dimissioni volontarie; Per morosità in due anni consecutivi, della quota associativa; Per radiazione, relativamente a fatti ritenuti lesivi agli interessi dell’A., resa esecutiva dal Consiglio Direttivo.

Il versamento della quota associativa annuale conferisce al socio l’iscrizione alla Confederazione nazionale (CARD)

 

Art.5

Il patrimonio della Associazione è costituito dalle entrate di cui al successivo art.6, detratte le passività.

 

Art. 6

Le entrate della Confederazione sono costituite: dai versamenti annuali delle quote di iscrizione dei soci; da eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio; da eventuali erogazioni, donazioni, lasciti e sussidi, provenienti dai Soci Sostenitori; dall’utile eventualmente derivante dallo svolgimento delle attività sociali, il cui finanziamento avviene attraverso i contributi degli associati e/o di enti pubblici nonché di soggetti privati, con esclusione di finanziamenti che configurino conflitto d’interesse con il SSN., anche se forniti attraverso soggetti collegati. Le attività ECM sono finanziate attraverso l’autofinanziamento e i contributi degli associati e/o enti pubblici e privati, ivi compresi contributi delle industrie farmaceutiche e di dispositivi medici, nel rispetto dei criteri e dei limiti stabiliti dalla Commissione nazionale per la formazione continua

 

Art. 7

Sono organi dell’A.: l’Assemblea dei Soci; il Consiglio Direttivo, il Presidente, il Vicepresidente.  A tali organi non compete alcuna retribuzione per la carica ricoperta. Il Consiglio Direttivo designa il tesoriere e il segretario.

 

Art. 8

L’Assemblea dei soci.

Vi possono intervenire tutti i soci; i Soci Istituzionali e Sostenitori intervengono con il loro rappresentante legale o suo delegato. L’Assemblea è presieduta dal Presidente dell’A., coadiuvato dal segretario per la stesura del verbale. L’Assemblea Ordinaria deve essere convocata almeno una volta l’anno. L’ assemblea Straordinaria può essere convocata sia dal Presidente, sia dal Consiglio Direttivo a maggioranza relativa dei componenti, sia da un numero di Soci Fondatori e Ordinari pari ad almeno 1/5 degli stessi.

La convocazione avviene tramite comunicazione scritta affissa all’Albo dell’A. presso la Sede 15 giorni prima della data stabilita e la diffusione attraverso appropriati canali di comunicazione.

L’Assemblea è validamente costituita in prima convocazione con l’intervento di più della metà degli aventi diritto al voto, presenti o rappresentati. In seconda convocazione l’Assemblea è validamente costituita qualunque sia il numero dei Soci aventi diritto al voto. E’ ammessa una sola delega per ciascun socio presente.

 

Art. 9

Il Consiglio Direttivo.

E’ formato da 12 componenti, compreso il segretario.

I componenti vengono eletti con voto segreto dall’Assemblea Generale e durano in carica tre anni e sono rieleggibili per un solo ulteriore triennio consecutivo. In caso di dimissioni, e fino allo svolgimento delle successive elezioni, possono essere sostituiti da soci nominati dal Consiglio Direttivo mediante approvazione con votazione, con preferenza per soci appartenenti alla stessa professione del consigliere dimissionario.

La composizione del Consiglio Direttivo deve esprimere la multiprofessionalità dell’A., pertanto si compone di almeno: 3 medici, 3. Infermieri o ostetriche, 2 fisioterapisti o logopedisti, 4 componenti appartenenti ad altre professioni. Qualora una delle suddette componenti professionali non dispone di un numero sufficiente di candidature, l’incarico di consigliere piò essere attribuito ad altro operatore nell’elenco dei votati, di qualunque altra estrazione professionale che abbia ottenuto il maggior numero di preferenze.

Il Consiglio è legalmente costituito in seduta con la presenza di almeno 7 componenti in prima convocazione, mentre in seconda convocazione è legalmente costituito da almeno due consiglieri, di cui uno assume la funzione di segretario.

Il Consiglio si riunisce su convocazione del Presidente, almeno due volte ogni anno. La convocazione deve pervenire, - a mezzo comunicazione per posta elettronica ai consiglieri, di norma almeno 15 giorni prima della data prevista. Il Presidente ha l’obbligo di convocare il Consiglio Nazionale ove pervenga richiesta motivata di almeno 1/3 dei Consiglieri in carica.

Al Consiglio è ammessa la partecipazione di altri soci senza diritto di voto.

I Consiglieri hanno facoltà di delega scritta con il limite di una delega per ogni componente.

Il Consiglio elegge il Presidente, il vicepresidente e il tesoriere con voto palese.

Il Consiglio Direttivo delibera in merito alle eventuali proposte di modifica dello Statuto; definisce i programmi della Associazione secondo le finalità di cui all’art. 4; stabilisce la quota di iscrizione annuale alla A.; emana i regolamenti per la pratica attuazione delle finalità statutarie; ratifica l’iscrizione dei Soci Sostenitori e Istituzionali; propone all’Assemblea la nomina di Soci Onorari con specifica motivazione; I Consiglieri, ove necessario, possono essere delegati dal Consiglio stesso alla direzione e responsabilità nell’ambito delle attività confederative. Possono inoltre proporre al Presidente di affidare incarichi a persone esterne alla A. ai fini del raggiungimento degli obiettivi statutari.

 

Art. 10

Il Presidente

Viene eletto con voto palese dal Consiglio Direttivo, fra i suoi componenti, subito dopo la Sua istituzione. Dura in carica tre anni e può essere confermato soltanto una seconda volta, in via continuativa. Ha la responsabilità legale della A. e la rappresenta. E’ garante della missione e degli obiettivi della A.

Egli può delegare le sue funzioni al Vice Presidente.

Convoca il Consiglio Nazionale almeno due volte l’anno e formula l’ordine del giorno. I componenti del Consiglio possono proporre al Presidente l’inserimento di argomenti all’ordine del giorno su sottoscrizione di almeno da tre componenti dello stesso. Il Presidente può invitare senza diritto di voto alle riunioni altri Soci previsti dall’art. 6. In caso di assenza o impedimento viene sostituito dal vicepresidente. La sfiducia motivata del Presidente va votata dalla maggioranza dei componenti di diritto del Consiglio. In tal caso il vicepresidente assume temporaneamente le funzioni di presidenza ed indice nuove elezioni entro 30 giorni dalla data di decadenza del presidente.

 

 

Art. 11

Il Vice Presidente

Viene eletto con voto palese dal Consiglio Direttivo fra i suoi componenti.

Dura in carica tre anni e può essere confermato soltanto una seconda volta, in via continuativa.

 

Art. 12

Il Tesoriere

E’ eletto con voto palese dal Consiglio Direttivo tra i propri membri. Dura in carica tre anni e può essere rieletto. Ha i seguenti compiti: cura la riscossione delle quote associative; controlla il bilancio delle iniziative della Confederazione; può aprire conti correnti con il consenso del Consiglio Direttivo; presenta un rendiconto al Consiglio ed un bilancio annuale all’Assemblea.

 

Art. 13

Il Segretario

Viene nominato dal Presidente fra membri del Consiglio Direttivo e ha la funzione di redigere i verbali delle riunioni degli organi dell’A..

Ha il compito di: seguire gli aspetti amministrativi del Consiglio Direttivo; curare la organizzazione e la documentazione delle attività associative; curare la trasmissione dei verbali di riunione a tutti i Consiglieri; riferire periodicamente al Presidente sulle attività svolte; relazionare sulle attività svolte in occasione delle riunioni del Consiglio Direttivo.

 

Art. 14

A tutte le cariche associative e ai collaboratori volontari tutti non competono compensi di alcun genere, ma solo eventuali rimborsi spese deliberati dal Consiglio Nazionale in misura non superiore all’effettivo esborso sostenuto.

 

Art. 15

Lo scioglimento della Associazione è deliberato dall’Assemblea con il voto di tutti i Soci Ordinari. In caso di scioglimento per qualunque causa, il patrimonio della Confederazione sarà devoluto ad altre persone giuridiche che hanno fini analoghi, ai sensi dell’art. 32 c.c. per la realizzazione o il miglioramento di servizi sanitari territoriali.

 

Art. 16

Per quanto non contemplato nel presente statuto si fa rinvio alle norme di legge in materia.

 

 

Redatto, approvato, letto, sottoscritto e firmato dai soci dell’associazione ASSODIS FVG a San Giorgio di Nogaro, in data 24 giugno 2016, riuniti in Assemblea Generale.

© 2016 by CARD FVG - Confederazione Associazioni Regionali di Distretto / Friuli-Venezia Giulia